rileggo

Posts Tagged ‘festival economia’

L’economia si fa semplice

In Eventi on giugno 7, 2011 at 9:39 am

Un Sì deciso a Trento alla legalizzazione e tassazione della prostituzione

In Eventi on giugno 3, 2011 at 8:30 pm

Appena entrati in Sala Depero gli ospiti del primo incontro di “pro & contro” al Festival dell’Economia di Trento intitolato: “Bisogna legalizzare e tassare la prostituzione? “, in cui si sono trovate a confronto Francesca Bettio, docente alla Facoltà di economia di Siena, che incarnava la parte a favore della legalizzazione e Oria Gargano, presidente della cooperativa sociale Be free, che esponeva le ragioni del no, sono stati chiamati a rispondere con apparecchiatura elettronica a questa domanda. Il 77% in sala si e’ mostrato a favore della legalizzazione, il 13% contrario e un 10% si dichiara indeciso. Alla fine del dibattito tra le due donne c’è stata una seconda votazione e i sì alla legalizzazione-regolarizzazione hanno prevalso comunque in maniera netta: 69%, contro un 20% di contrari e un 10% di indecisi.

In Europa lo stato della legislazione in merito alla prostituzione non e’ assolutamente omogeneo, in quanto esistono stati in cui questa e’ illegale e altri invece dove e’ lecita, ma tra quest’ultimi, in alcuni e’ regolamentata, come in Olanda, Germania, Austria, Svizzera, Grecia, Ungheria e Lettonia, e una maggioranza nei quali non e’ regolamentata, tra cui l’Italia e la Città del Vaticano.

Nel nostro ordinamento la prostituzione è quindi consentita, ma non regolata, ed è punito il suo sfruttamento e oggi ad alimentare il “mercato del sesso” in Italia sono soprattutto donne straniere, immigrate, costrette all’illegalità e condannate ad uno sfruttamento che nemmeno la più ampia legalizzazione potrebbe probabilmente sconfiggere. Agli estremi in Europa rispetto a questa tematica vi sono il modello tedesco dove la prostituzione (se scelta da chi la pratica) è un lavoro, con diritti, tutele e obblighi; e quello svedese, nel quale la prostituzione è equiparata a violenza e i clienti del mercato del sesso vengono puniti.

Nell’est europeo, invece, la prostituzione e’ illegale, ma chi viene punito e criminalizzato e’ chi si prostituisce. “E’ incredibile come per un fenomeno globalizzato come la prostituzione e in uno spazio cosi piccolo come può essere la sola Europa, proliferino una molteplicità di legislazioni”, ha affermato Roberta Carlini, coordinatrice del dibattito.

Un dibattito con tante domande e molte risposte tra le due donne ha snocciolato i pro e i contro del fenomeno della prostituzione toccando aspetti economici ed etico/morali, ma alla fine c’è stata una seconda votazione in sala e i sì alla legalizzazione-regolarizzazione hanno prevalso comunque in maniera netta: 69%, contro un 20% di contrari e un 10% di indecisi.

Trento è l’agorà dell’Economia

In Eventi on giugno 1, 2011 at 5:48 pm

“I confini della libertà economica” è il titolo della sesta edizione del Festival dell’Economia che si svolge a Trento dal 2 al 5 giugno 2011. Una tre giorni di incontri, dibattiti e riflessioni. “Non ci sono invitati di serie A e di serie B” – afferma Tito Boeri, responsabile scientifico del Festival dell’Economia – “il festival è un’occasione di crescita culturale. Non ci sono tavole rotonde in cui relatori famosi parlano due minuti avendo solo il tempo di dire ovvietà, ma lezioni di piazza in cui l interazione col pubblico è sempre molto forte. Poi nelle strade si incontrano i relatori e si può parlare con loro, come in una grande agorà”, conclude l’economista italiano.

Il Festival dell’Economia di Trento permette a tutti di farsi un’idea sulle questioni complesse che definiscono i nuovi confini alla libera iniziativa privata che vengono posti in essere in diverse parti del pianeta. Si cerca di capirne la ragione, di metterne in luce gli effetti utilizzando, come sempre, le categorie, gli strumenti analitici degli economisti, ma chiedendo aiuto anche ad altre discipline, come il diritto e la filosofia. Saranno introdotti, come sempre, nuovi formati per le discussioni, a partire dai “pro” e dai “contro” in cui tutti i partecipanti verranno chiamati a pronunciarsi su questioni importanti e complesse, prima e dopo il confronto fra i diversi relatori. “Sarà un esperimento anche per valutare il valore aggiunto del Festival nel cambiare le percezioni, se non le opinioni, di quel pubblico sempre attento e informato che ormai da sei anni si ritrova a cavallo tra maggio e giugno in quella città straordinaria che è Trento”, spiega Boeri.

L’inaugurazione del Festival è prevista domani alle ore 15.00 al Castello del Buonconsiglio e come ogni anno saranno trattati temi di grande attualità che toccano la realtà quotidiana di ognuno di noi. Per quest’occasione saranno aperte sedi e luoghi di alcuni suggestivi palazzi di Trento, che normalmente rimangono chiusi ai cittadini e che si aprono per ospitare dibattiti e per immergersi con semplicità le difficili realtà economiche.

Il programma del Festival dell’Economia